lunedì 15 ottobre 2018

Il dottore di Lotti e il patrimonio di Pacciani (2)


Nella prima parte dell’articolo abbiamo visto quanto altamente probabile sia la possibilità che quella del “dottore” fosse stata soltanto una opportunistica menzogna di Lotti, nell’intento di compiacere le forze dell’ordine alle quali quella menzogna  tornava comoda per spiegare i troppi soldi di Pacciani. Ma davvero quei soldi erano troppi per le possibilità economiche del contadino? Cerchiamo di scoprirlo in questa seconda parte.

900 milioni di lire? Si legge in Compagni di sangue: “Questa disponibilità finanziaria e patrimoniale equivale, secondo i calcoli presentati nel processo da un legale di parte civile, ad una cifra attuale di circa 900 milioni di lire”. Grazie a questa frase contenuta nel libro di Giuttari abbiamo ancor oggi la mirabolante cifra di quasi un miliardo di lire associata al patrimonio di Pacciani; ma come al solito le parole dell’ex superpoliziotto vanno prese con le molle. A fornire quella valutazione sarebbe stato Patrizio Pellegrini nell’udienza del 24 febbraio 1998, la cui relativa trascrizione è una delle poche non pubblicata dal sempre benemerito blog “Insufficienza di prove”. Ci si deve quindi rivolgere al sito di Radio Radicale, e alle sue registrazioni audio. Chi scrive è riuscito a trovare il punto in cui Pellegrini spiega il proprio metodo di rivalutazione, raggiungibile da qui andando sul minuto 22 circa della seconda parte. A beneficio del lettore, riproduco la relativa trascrizione:

Fermiamoci un istante su quel fiume di denaro, un fiume di denaro in relazione alle loro possibilità economiche, tutto è relativo. Parlo a ragion veduta di un fiume di denaro, perché è un fiume di denaro di allora, di 15 anni fa grosso modo, accumulato nella prima metà degli anni '80.
Io che sono un civilista prestato al penale sono andato a fare i conti con le tabelle ISTAT alla mano. Sapete per quanto si moltiplica quel denaro per avere il controvalore a oggi? Per 4,2. Fatevi i vostri conti. Vedrete che quella casa comprata nel '79 da Pacciani e pagata 26 milioni oggi vuol dire che sarebbe pagata 110 milioni. Un contadino che è stato più in prigione che sui campi, che quando ha lavorato aveva un lavoro della terra che a malapena gli consentiva di sfamare sé e quelle disgraziate delle donne che aveva con sé. Come ha fatto a mettere da parte questi soldi? Voi ci riuscireste? Non credo, perché qualche spesa l'avrà avuta anche lui, poche, però intanto andava per trattorie, si comprava la macchina, si comprava il motorino, si comprava due case, metteva da parte 160 milioni in quell'epoca. Moltiplicate per 4, vedete oggi che cosa sono. Avrete una dimensione diversa. Purtroppo ci siamo abituati a uno svilimento del denaro, quindi 150 milioni non sembrano più poi tanti.

Ecco dunque il miracoloso metodo Pellegrini, in grado di moltiplicare il danaro come qualcuno prima di lui aveva moltiplicato i pani e i pesci, facendolo diventare addirittura un fiume: applicare la medesima rivalutazione monetaria di un importo del 1979 a un importo del 1996! “[…] metteva da parte 160 milioni in quell'epoca. Moltiplicate per 4, vedete oggi che cosa sono”, aveva suggerito il legale, e così Giuttari nel libro avrebbe fatto, usando il coefficiente di rivalutazione 4,2 sia per i 26 milioni spesi da Pacciani per la casa di Piazza del Popolo nel 1979, sia per i 35 spesi nel 1984 per la casa di via Sonnino, sia per i quasi 158 in valori mobiliari sequestrati a suor Elisabetta nel luglio 1996. E infatti, 26 + 35 + 158 = 219 milioni, che, moltiplicati per 4,2, diventano quasi 920! Quindi, secondo i miracolosi calcoli di Pellegrini e poi di Giuttari, in neppure due anni i 158 milioni di Pacciani in titoli e libretti di risparmio sarebbero diventati ben 663 e rotti…
Ci sarebbe da chiedersi se le parti in causa – non soltanto Pellegrini e Giuttari, ma tutti coloro che di fronte al quasi miliardo non si posero alcuna domanda – erano o no in buona fede, ma lasciamo perdere, consideriamo il tutto soltanto un clamoroso svarione, fonte però di perniciosissime conseguenze. Vediamo allora a quanto ammontava davvero il patrimonio di Pacciani in quel 24 febbraio 1998 in cui Pellegrini lo aveva calcolato, applicando in modo corretto le tabelle ISTAT. Nell’era di Internet è possibile evitare i necessari ma noiosi conteggi avvalendosi delle numerose pagine che li fanno per noi, come questa, ad esempio, dove basta inserire mese di partenza, patrimonio a quella data e mese di attualizzazione per ottenere il patrimonio rivalutato. Ecco che cosa si ottiene:

  1. Casa di Piazza del Popolo, acquistata a settembre 1979 per 26 milioni, valore attualizzato a febbraio 1998: 105 milioni (coefficiente applicato: 4,044, Pellegrini aveva abbondato con il suo 4,2);
  2. casa di via Sonnino, acquistata a giugno 1984 per 35 milioni, valore attualizzato a febbraio 1998: 69 milioni di lire (coefficiente applicato:1,965);
  3. patrimonio mobiliare, 158 milioni nel luglio 1996 (momento del sequestro), rivalutazione a febbraio 1998: 163 milioni (coefficiente applicato:1,03).
La somma dei tre importi costituisce il valore corretto del patrimonio di Pacciani al momento del calcolo di Pellegrini, secondo i dati da lui presi in esame: 105 + 69 + 163 = 337 milioni di lire, quindi poco più di un terzo della stratosferica cifra riportata da Giuttari in Compagni di sangue!
 
Il valore delle due case. In realtà, pur se le regole della matematica finanziaria sono state rispettate, anche il calcolo precedente non fornisce un valore corretto del patrimonio di Pacciani. Una delle ragioni è costituita dall’impossibilità di conoscere il valore reale delle sue case al momento del calcolo, a quanto insomma si sarebbero potute vendere. Tuttavia attualizzare il loro prezzo d’acquisto costituisce senz’altro un’approssimazione soddisfacente, minata però dall’incognita del prezzo “dichiarato”, che potrebbe essere stato minore di quello realmente pagato. Non a caso Giuttari, ne Il Mostro, scrive:

[…] le sue entrate per l'attività di mezzadro erano state modestissime, ben lontane dal poter giustificare il possesso di tutto quel denaro liquido, e ancor meno gli acquisti e le ristrutturazioni, sempre con denaro contante, delle due case, avvenuti il 30 settembre 1979 (somma dichiarata 26 milioni) e il 30 giugno 1984 (somma dichiarata 35 milioni)

lasciando quindi intendere che le somme realmente pagate avrebbero potuto essere anche più alte. In effetti, fino a non molti anni fa (oggi forse non lo si fa più), nelle compravendite immobiliari era prassi consolidata versare una quota del prezzo concordato in nero, risparmiando così su tasse e balzelli vari. Si stipulava, come semplice scrittura privata, un preliminare di vendita, il cosiddetto “compromesso”, in cui veniva indicata la cifra reale suddivisa in più rate. A far testo di fronte al fisco era poi il “rogito” – l’effettivo documento che registrava la compravendita, redatto da un notaio al momento della consegna dell’immobile – nel quale compariva quasi sempre una cifra minore.
È chiaro che se Pacciani avesse versato più dei 26 milioni del 1979 e più dei 35 del 1984 il valore del suo patrimonio immobiliare dovrebbe essere aumentato di conseguenza. Ebbene, come si dimostrerà adesso, il prezzo reale delle due case era proprio quello, quindi è inesatto quanto afferma Giuttari ne Il Mostro scrivendo di somme dichiarate.



Per quanto riguarda l’appartamento di Piazza del Popolo, si legge nella nota della questura sopra riportata:

Dall'atto di compromesso si evince che il prezzo pattuito per l'appartamento fu di £ 26.000.000 con le seguenti modalità̀ di pagamento: £ 2.000.000 all'atto di compromesso che fu stipulato in data 24.01.1979, £ 8.000.000 con assegno nr. 203990894 e £ 16.000.000 all'atto del contratto entro il 30.09.1979.

Quindi i 26 milioni del 1979 furono quelli realmente versati da Pacciani al venditore, mentre il prezzo dichiarato era di 17, come dimostra la trascrizione del rogito riportata nella figura sottostante:



Per inciso, anche se si tratta di argomento che esula dalla materia del presente articolo, vale comunque la pena notare che il cattivissimo Pacciani aveva intestato la sua prima casa alle figlie.
Per quanto riguarda l’immobile di via Sonnino, chi scrive è anche in possesso della copia del compromesso, della quale vengono qui riportati i passi che interessano:


Come si vede, il prezzo reale era proprio di 35 milioni, suddiviso in tre rate di 5, 7 e 23. A riprova ecco l’immagine del rogito in cui si legge del “dichiarato prezzo di 30.000.000”.


Qualche parola va spesa anche per le ristrutturazioni, un argomento che Giuttari non mancò di tirare in ballo nell’intento di ipotizzare ulteriori spese. Pacciani lavorò molto sulle due case, che erano vecchie e malmesse, soprattutto quella di via Sonnino, ed è chiaro che la loro ristrutturazione ne fece aumentare il valore, ma non sappiamo di quanto. In realtà il dato, che è comunque valido ai fini del calcolo del patrimonio, in questa sede può anche trascurarsi, poiché di sicuro comportò modesti esborsi di danaro da parte di Pacciani, che fece quasi tutto da solo usando molto materiale di recupero, e magari neppure pagò qualche prestazione. Da una nota della questura dell’8 ottobre 1996:

In merito ad eventuali lavori di ristrutturazione effettuati presso le abitazioni di proprietà̀ di PACCIANI Pietro, si è avuto modo di accertare, tramite l'Ufficio Tecnico del Comune di S.Casciano V.P., che in data 18/9/84 PACCIANI Pietro ha presentato domanda per effettuare opere di risanamento e modifiche interne al fabbricato urbano ubicato in Via Sonnino.
La concessione per la ristrutturazione e l'ampliamento richiesto veniva concessa in data 15/3/85. La richiesta al comune veniva effettuata con una lettera manoscritta dal PACCIANI stesso indirizzata al Sindaco di S.Casciano e da una domanda corredata di relativa documentazione fatta a cura dell'Architetto Andrea PIAZZINI di Mercatale V.P.. Al fine di completare gli accertamenti richiesti su questo punto, si provvedeva ad incontrare l'architetto PIAZZINI che veniva sentito a S.I.T. in merito alla vicenda.
Lo stesso riferiva di avere eseguito le planimetrie e di avere presentato la documentazione per conto del PACCIANI, il quale voleva costruire un "bagnetto" nell'abitazione di via Sonnino. Per l'esecuzione del lavori il PACCIANI non pagò il PIAZZINI, che per questo ebbe una discussione con il PACCIANI. Lo stesso riferiva inoltre che per l'esecuzione del lavori il PACCIANI ebbe a provvedere di persona con l'aiuto di un altro abitante di Mercatale, ritenuto suo amico, PUCCI Giuliano.
Quella sopra descritta risulta essere l'unica richiesta, per l'esecuzione di lavori edili, presentata dal PACCIANI al Comune di S.Casciano.

Non può invece essere trascurato un fatto che fino a oggi non è mai emerso, e che invece potrebbe rivestire una certa importanza ai fini dell’oggetto del presente articolo. Da varie fonti sappiamo che la casa di via Sonnino, dopo i lavori di ristrutturazione, risultò separata in due appartamene diversi, uno al civico 28, uno al civico 30. Ecco che cosa ne disse Perugini in dibattimento raccontando della nota maxi perquisizione (vedi):

Nell’abitazione di via Sonnino 30, che è la più grossa… diciamo… mentre l’abitazione di via Sonnino 28 ha un ingresso, su a destra un camino, una larga stanza e un bagnetto, l’abitazione di via Sonnino 30 ha più camere, una camera da letto sulla destra, una cucina che è frontale alla porta d’ingresso, un’altra camera piuttosto larga sulla sinistra e un bagno in fondo.

Ma una qualche parte dell’immobile Pacciani la dovette vendere, come dimostra questo documento, frutto di un’indagine successiva condotta nell’ambito della vicenda Narducci:


Nell’immagine sono stati riportati soltanto alcuni frammenti dell’annotazione di PG, poiché le altre parti non riguardano l’argomento del quale si sta trattando. In ogni caso si vede che il primo marzo 1986 Pacciani “cedeva l’immobile di San Casciano Val di Pesa Via Sonnino n. 31”. Il numero civico dispari della parte ceduta poco si accorda con quelli pari delle parti rimaste a Pacciani, ma, a dire il vero, già al momento dell’acquisto con i numeri c’era confusione, poiché tra compromesso e rogito si parla sia di 30 che di 32. Per il momento quella sopra rimane l’unica traccia emersa della misteriosa operazione, della quale pertanto non è nota l’entità monetaria, che naturalmente farebbe diminuire il patrimonio finale. Di quanto? Ad esempio, si fosse trattato di 10 milioni, il loro passaggio dal patrimonio immobiliare a quello mobiliare avrebbe fatto diminuire il patrimonio totale al 28 febbraio 1998 di 17 milioni. Ma, vista la sua aleatorietà, nei calcoli generali tale valore sarà trascurato.
A questo punto calcoliamo il valore reale delle due case di Pacciani al 30 giugno 1996, più o meno quella del sequestro dei valori mobiliari, usando la solita pagina Internet, questa. Si ottiene per la casa di Piazza del Popolo un valore di 102.284.000 lire, per quella di via Sonnino un valore di 66.920.000 lire.

Il patrimonio mobiliare. Nella nota della questura del 9 gennaio 1997 (scaricabile qui), il patrimonio mobiliare di Pacciani viene valutato in 157.890.038 lire. Vediamone la composizione:

75.301.040    sul libretto di risparmio 1189 dell’ufficio postale di Mercatale;
18.996.350    sul libretto di risparmio 1190 dell’ufficio postale di Mercatale;
3.622.990      sul libretto di risparmio A003402/06 dell’ufficio postale di Scandicci;
13.500.000    in buoni fruttiferi acquistati nell’ufficio postale di Mercatale;
4.050.000      in buoni fruttiferi acquistati nell’ufficio postale di Cerbaia;
27.000.000    in buoni fruttiferi acquistati nell’ufficio postale di San Casciano;
11.300.000    in buoni fruttiferi acquistati nell’ufficio postale di Montefiridolfi;
5.100.000     in buoni fruttiferi acquistati nell’ufficio postale di Contea (fraz Rufina)

Per arrivare al totale di 157 milioni e rotti vennero sommate tutte le cifre elencate. Prima che il lettore si metta a fare la riprova è bene avvertire che nel prospetto della questura ci sono degli errori. Il primo è la mancata indicazione di un buono da 500 mila lire, l’O/N 112 del 26 aprile 1982 acquistato a Mercatale, presente invece nel prospetto precedente, quello del 12 giugno 1996 (vedi). Il totale di Mercatale però è lo stesso, quindi si può senz’altro ipotizzare una semplice dimenticanza. Il secondo è nella somma dei buoni elencati per Montefiridolfi, calcolata in modo errato, 10 milioni e 300 mila invece di 11 e 300 mila, in questo caso come il prospetto precedente. Il terzo è la somma finale, che, purgata del milione dimenticato di Montefiridolfi, è più alta di 19.658 lire rispetto a quella che avrebbe dovuto essere (ma forse mi è sfuggito qualcosa).
Tutto questo per amor di precisione. Alla fine la somma delle cifre segnate sui tre libretti di risparmio (97.920.380) e del totale del valore nominale dei buoni fruttiferi (60.950.000) è di 158.870.380 lire, cifra che, pur formalmente corretta, è priva di significato. Vediamo perché.
Nei quasi 98 milioni risultanti dai tre libretti di risparmio la questura conteggiò anche gli interessi fino a tutto l’anno 1995 e nei buoni postali no. Il perché è presto detto: gli interessi maturati sui libretti di risparmio risultavano segnati sui libretti stessi, anno per anno, con il conseguente calcolo del nuovo saldo, quindi l’agente che redasse il prospetto considerò valido il saldo al 31 dicembre 1995; gli interessi maturati sui buoni postali non erano segnati da nessuna parte, quindi ne venne preso il puro valore nominale, corrispondente al prezzo d’acquisto. A questo punto tentiamo di calcolare, per quanto possibile, la vera entità del patrimonio mobiliare di Pacciani al momento del sequestro dei primi di luglio 1996, diciamo, per semplicità, al 30 giugno 1996.
Cominciamo con l’aggiungere ai due libretti di Mercatale, fermi da diversi anni, gli interessi maturati nella prima metà del 1996, applicando il tasso rilevabile dagli interessi del 1995 indicati nel prospetto, che risulta del 5,75%. Si ottengono così 2.165.000 lire sul libretto 1189 e 545.000 lire sul libretto 1190. Per quanto riguarda il libretto di Scandicci, anch’esso fermo da anni, il prospetto non evidenzia gli interessi maturati, quindi applichiamo anche in questo caso il tasso del 5,75%, ottenendo la cifra di 104.000 lire. Possiamo quindi concludere questa prima e più semplice parte del lavoro affermando che al 30 giugno 1996 Pacciani disponeva di un patrimonio investito in tre libretti postali di 77.466.040 + 19.541.350 + 3.726.990 = 100.734.380.
Calcolare gli interessi maturati sui buoni postali al 30 giugno 1996 è molto più complicato. Gli inquirenti avrebbero dovuto richiederli all’amministrazione postale, e sarebbero stati molto felici del risultato, poiché avrebbero ottenuto una cifra sommata di prezzo d'acquisto e interessi di gran lunga superiore ai quasi 61 milioni da loro presi in esame. Le due tabelle scaricabili qui e qui, messe a disposizione dal sito delle Poste, consentirebbero di effettuare un calcolo preciso applicando la formula dell’interesse composto a ogni buono secondo le regole e i tassi indicati, che purtroppo non sono lineari. Chi scrive non ne ha né il tempo né la voglia, forse qualche lettore sì, quindi sarebbero ben accetti i suoi calcoli. In ogni caso è possibile raggiungere una soddisfacente approssimazione considerando tutti i buoni acquistati in un anno come se fossero un buono unico acquistato alla metà dell’anno, e applicando un tasso di rendimento medio. Per valutare quest’ultimo valore torna comoda l’operazione effettuata da Pacciani nell’estate 1992, quando incassò i buoni cointestati con le figlie versando il ricavato sul libretto di risparmio 1189, come mostra la tabella 6 del prospetto riassuntivo della questura del 12 giugno (vedi).
Nella figura sottostante i buoni incassati sono stati raggruppati e ordinati per data di acquisto, e, con l’aiuto di questa pagina Internet (quadro: “Investimento semplice”), per ogni gruppo è stato calcolato il tasso di rendimento annuo effettivo.


Con l’estrapolazione di un tasso medio dalla tabella soprastante – per i vecchi buoni Contea, del 1972-1973, dal quadro messo a disposizione dal sito delle Poste – e con l’aiuto di questa pagina Internet, si ottengono i risultati visibili nella seguente immagine:


Come si vede, i quasi 61 milioni nominali vedono più che triplicato il loro valore al 30 giugno 1996, raggiungendo la ragguardevole cifra di 193 milioni e rotti.
In conclusione possiamo valutare il patrimonio totale di Pacciani al 30 giugno 1996 come composto di due case del valore totale di circa 170 milioni e di libretti e buoni postali per un valore totale di circa 294 milioni, per un totale generale di 464 milioni di lire.
Volendo rapportare il tutto al momento dei calcoli di Giuttari e Pellegrini, 28 febbraio 1998, si ottengono circa 477 milioni, che rimangono ancora ben lontani dai loro gonfiatissimi 900. Infine, se rapportiamo il tutto a oggi (agosto 2018), rivalutando e convertendo si ottiene la bella somma di 348 mila euro.

Correlazioni di date? È possibile che almeno parte del notevole patrimonio di Pacciani fosse ascrivibile alla vendita dei “feticci” al “dottore” di Lotti? Nella tabellina sottostante sono stati inseriti i totali giornalieri degli acquisti di buoni con l’indicazione dell’ufficio postale, così come si desumono dalla documentazione della questura. È bene premettere che l’elenco non può considerarsi completo, poiché non riporta gli acquisti di buoni che sono stati poi incassati (escluso quelli trasferiti nel 1992 nel libretto di risparmio 1189, 28.050.000 nominali diventati 61.411.580, dei quali nei prospetti della questura c’è documentazione).


Cominciamo subito a eliminare una castroneria riportata nella sentenza di primo grado del processo a Vanni e Lotti, secondo la quale Pacciani avrebbe disseminato i buoni “tra i vari uffici del circondario (Mercatale, Montefiridolfi, San Casciano, Cerbaia e Scandicci), chiaramente per tener nascosta tanta provenienza di denaro, non sicuramente di fonte lecita”.
Negli anni 1972-1973 Pacciani lavorava come mezzadro in un podere in località Casini di Rufina, e l’ufficio postale di Contea, che di Rufina è frazione, si trovava a un chilometro o due. Nel 1981 i buoni vennero acquistati a Montefiridolfi, poi a partire dal 1982 fino al 17 giugno 1986 a Mercatale. Guarda caso, secondo i dati della questura, dal 15 aprile 1973 Pacciani risiedette a Montefiridolfi, da dove si trasferì a Mercatale il 17 marzo 1982. È vero che il 15 novembre 1985 un milione risulta investito a Montefiridolfi, ma l’operazione sa tanto del semplice rinnovo di un buono dal rendimento non più conveniente rispetto alle nuove emissioni. I buoni cartacei del tempo si andava a incassarli nell’ufficio dove erano stati acquistati, e già che si era lì si potevano anche rinnovare.
Dopo l’ultimo del 17 giugno 1986, Pacciani smise di acquistare buoni a Mercatale, servendosi degli uffici di Montefiridolfi, San Casciano e Cerbaia. Lo avrebbe fatto per tenerli nascosti? Forse sì, ma certamente non alla magistratura, come dimostra questa lettera:


Il 23 ottobre 1987 Pacciani, che si trovava in carcere per i noti abusi in famiglia, chiedeva all’amministrazione postale di bloccare i propri buoni per impedire che in sua assenza le figlie potessero venderli. Ora ci si deve chiedere se davvero un commerciante di “feticci” che avrebbe occultato i relativi proventi acquistando buoni postali a destra e a manca si sarebbe poi dato la zappa sui piedi chiedendo pubblicamente che tali buoni venissero rintracciati e bloccati… In realtà proprio la lettera ci dà la chiave di lettura del cambiamento di ufficio d’acquisto nella seconda metà del 1986. In quel periodo Pacciani era in rotta con le figlie e i loro spasimanti – a maggio 1987 sarebbe stato denunciato e poi arrestato – e temeva di veder sparire i propri risparmi. Non è certamente un caso se i buoni acquistati a Mercatale erano cointestati con le figlie e quelli successivi no. Che avesse preferito servirsi di uffici postali differenti da quello del proprio paese poteva spiegarsi con il tentativo di non mettere troppo in piazza i propri affari.
Veniamo adesso alla correlazione di date tra i soldi spesi e le ipotizzate vendite dei feticci. Scrive Giuttari in Compagni di sangue:

Dall'analisi dei movimenti di quel denaro, si poteva constatare che l'acquisto della quasi totalità di buoni era avvenuto tra il 1981 e il 1987 e, cioè, nell'arco di tempo, in cui erano stati realizzati i delitti con le macabre asportazioni.
Inoltre, in un arco di tempo molto ristretto, dal 15.11.85 al 26.05.87, aveva versato in contanti per acquisti di buoni in più uffici postali (Mercatale, Cerbaia, Montefiridolfi) una somma complessiva di £ 57.050.000. A volte aveva fatto più versamenti nello stesso giorno. La circostanza fa pensare che quei soldi potessero essere stati o il frutto di un saldo dei lavoretti, ordinati dal mandante, oppure il ricavato di una attività di ricatto dello stesso Pacciani nei confronti del mandante stesso. […]
Pacciani acquistava i primi buoni postali proprio nel 1981 quando, in effetti, erano iniziati gli omicidi seriali. Esauriva gli investimenti nei primi mesi del 1987, quando era stata completata la serie delittuosa.

Cominciamo col dire che non è affatto vero che Pacciani acquistò i primi buoni postali nel 1981, come attesta la presenza dei buoni del 1972-1973 acquistati a Contea. Ecco la lettera con la quale le Poste comunicarono il dato (nell’immagine manca una pagina dell’elenco):


Come si vede, i buoni erano cointestati a Pacciani e, in varie combinazioni, alla moglie, alle figlie e alla sorella, e probabilmente detenuti dalla sorella o da altri, visto che non erano stati trovati in mano a suor Elisabetta. È vero che poi, a partire da allora, non risultano altri acquisti di buoni fino a quelli del 16 giugno 1981 a Montefiridolfi, ma si è già detto che la documentazione acquisita non comprende tutti i buoni incassati. Dopo il suo trasferimento a Montefiridolfi nel 1973 Pacciani avrà senz’altro continuato a investire i propri risparmi in buoni postali acquistandoli nell’ufficio del paese. Quando poi, nel 1979, ebbe bisogno dei 26 milioni necessari all’acquisto della casa di Piazza del Popolo, riscattò parte di quei buoni, che quindi non risultano negli elenchi della questura. Tra l’altro, forse fu proprio allora che ebbe anche una buonuscita di una decina di milioni dai marchesi Rosselli-Del Turco.
Nel 1984 Pacciani ebbe bisogno di altri 35 milioni, quelli che gli servirono ad acquistare la casa di via Sonnino. Dall’interrogatorio del venditore, Gianfranco Matteuzzi (27 maggio 1996):

Mi si chiede come sia avvenuto il pagamento e, in particolare, se in contanti o assegni. La maggior parte della somma era costituita da assegni, non ricordo però se postali o bancari. Ricordo, però, che Pacciani mi disse che aveva preso i soldi alla posta, per cui ritengo che potessero essere assegni postali.

Anche nel 1984 Pacciani si avvalse dei buoni comprati a Montefiridolfi, quelli che gli erano rimasti, naturalmente partendo dai più vecchi che già avevano fruttato abbondanti interessi. Ma forse già nel dicembre 1982, al momento di versare i 6 milioni della Ford Fiesta, aveva effettuato un’operazione analoga. E altri buoni di Montefiridolfi li avrà incassati alla scadenza. Al momento del sequestro del 1996 in quell’ufficio gli erano rimasti quelli acquistati per ultimi, i 2 milioni e 300 mila del 1981.
A questo punto veniamo alle possibili vendite dei feticci. Negli anni ’70 feticci non ce ne furono, quindi l’acquisto della casa di Piazza del Popolo nulla vi ebbe a che fare. Il 1981 fu l’anno delle due prime escissioni. A ridosso di quella del 6 giugno risulta l’acquisto di buoni a Montefiridolfi, il 16 e il 18, per 2 milioni e 300 mila lire, in linea teorica possibile ricavato della vendita. Ma allora, perché dopo la successiva escissione, il 22 ottobre, fino al 12 marzo 1982 non è documentato alcun acquisto? Risulta poco ragionevole ipotizzare che tali eventuali buoni sarebbero potuti essere tra quelli in seguito venduti, quindi non presenti nella documentazione della questura, poiché conviene sempre vendere i più vecchi, quelli che già hanno reso interessi e che scadranno prima.
Dopo il delitto di Calenzano la successiva escissione avvenne il 29 luglio 1984 a Vicchio. Ebbene, tra il 12 marzo 1982 e il 10 febbraio 1984 Pacciani acquistò buoni per 17 milioni e 250 mila lire e la Ford Fiesta per 6, quindi con proventi che nulla avevano a che fare con le macabre vendite. Anche il danaro speso nel 1984 per la casa di via Sonnino di sicuro non fu frutto della vendita delle parti mutilate alla povera Pia Rontini, poiché gli anticipi di 5 e 7 milioni risalgono al marzo e il saldo di 23 milioni al 30 giugno, quindi ben prima del delitto. Il successivo acquisto di buoni è quello di 2 milioni del 17 ottobre 1984, due mesi e mezzo dopo il delitto, e considerarlo il pagamento per il pube e il seno mutilati è poco sensato, visto il ritardo.
Tra il delitto di Vicchio e quello di Scopeti risulta l’acquisto di buoni per 7 milioni, l’ultimo il 20 aprile 1985, che non è affatto irragionevole considerare frutto di risparmi. Il primo acquisto dopo il delitto di Scopeti risale al 15 novembre 1985, due mesi dopo, quindi vale quanto già osservato riguardo il delitto di Vicchio: non c’è correlazione con la supposta vendita delle parti mutilate.
Giuttari fa notare che dal 15 novembre 1985 al 26 aprile 1987 Pacciani acquistò buoni postali per ben 57 milioni e rotti. In effetti sembra tanto, soprattutto considerando i 10.550.000 del 1982, i 6.200.000 del 1983, i 6.000.000 del 1984 e i 7.800.000 totali del 1985. “La circostanza fa pensare che quei soldi potessero essere stati o il frutto di un saldo dei lavoretti, ordinati dal mandante, oppure il ricavato di una attività di ricatto dello stesso Pacciani nei confronti del mandante stesso”, queste le ipotesi di Giuttari, che però non stanno in piedi. Riguardo il saldo: Pacciani aveva forse in mano un contratto scritto che impegnava i propri committenti a pagare il conto per intero, pena la denuncia all’autorità competente? Riguardo il ricatto: come poteva Pacciani ricattare qualcuno se era stato lui stesso a uccidere i poveri ragazzi? Sembra molto più ragionevole pensare che l’aumento degli acquisti di buoni negli anni 1986 e 1987 fosse dovuto soprattutto alla vendita di quelli di Montefiridolfi anteriori al 1981. È vero che quei buoni dovevano già aver contribuito all’acquisto di due case e di un’auto, ma abbiamo visto di quali rendimenti vertiginosi erano capaci. E magari Pacciani, nell’imminenza di entrare in carcere per gli abusi sulle figlie (30 maggio 1997), cercò di convertire anche qualche buono di Mercatale loro cointestato (il 9 maggio un milione e 750 mila, il 26 due milioni e 300 mila, tutti a Cerbaia).

La provenienza dei risparmi. In ogni caso bisogna riconoscere che il patrimonio di Pacciani non era niente male per un contadino. Ma quando si pensa che l’individuo aveva sempre lavorato senza risparmiarsi, anche durante i periodi di prigionia, e che era taccagno fino all’inverosimile – arrivando persino a mettere in tavola del cibo per cani, come si seppe con raccapriccio dalla bocca di una figlia – la cifra appare già più plausibile. Peraltro ha poco senso fargli i conti in tasca calcolando le sue entrate ufficiali, come pure tentarono gli inquirenti nel prospetto del 9 gennaio 1997 (qui).
Ad esempio, si legge nel prospetto:

Verso la fine degli anni sessanta, inizio degli anni settanta, per circa tre anni, il PACCIANI ha lavorato in qualità di mezzadro, senza quindi alcuna retribuzione in denaro, presso un podere in località Casini di Rufina, in via Forlivese di proprietà di LOTTI Cesare, da cui il PACCIANI, a dire delle figlie del LOTTI stesso, ha ricavato "l'indispensabile per il fabbisogno di una famiglia”.

Però, come abbiamo visto, risulta che nel periodo mise da parte almeno i 5 milioni e 100 mila investiti nei buoni postali di Contea. Rapportati a oggi, si tratta di 37 mila e 500 euro, mica male per un lavoro dal quale si poteva ricavare soltanto “l'indispensabile per il fabbisogno di una famiglia”!
Passiamo al lavoro successivo, quello a Montefiridolfi presso l’azienda dei marchesi Rosselli-Del Turco. I 5-6 milioni all’anno che risultano guadagnati ufficialmente nel periodo 1978-1982 come operaio agricolo di sicuro non erano molti, ma ci sarebbe da stupirsi se non ci fossero stati anche dei congrui fuori busta; poi Pacciani nulla pagava d’affitto, e naturalmente, come tutti i contadini, per il mangiare si aiutava con i prodotti della terra, coltivati per sé e anche per rivenderli. Faceva poi altri lavori, ad esempio allevatore – vincendo anche dei premi – e custode di cani e cavalli conto terzi. Si diceva cacciasse di frodo, non si sa quanto fosse vero, ma certo andava per boschi a raccogliere funghi e castagne che vendeva. Di queste attività e di mille altre che si può immaginare avesse intrapreso ogni volta che ne aveva avuto occasione – magari qualcuna neppure troppo lecita – non è possibile quantificare il ricavo, che però di sicuro va ben oltre le sue entrate ufficiali.
Si devono poi aggiungere altri introiti non disprezzabili, come le due pensioni minime, a partire dal 1973 quella della moglie e dal 1979 anche la sua, per un totale annuo di 8 milioni e mezzo ciascuna nel 1996. Abbiamo visto che dai marchesi Rosselli aveva ricevuto una buona uscita di quasi 10 milioni. Per anni le figlie erano state ospiti di un collegio gratuito, poi avevano lavorato come domestiche percependo stipendi non disprezzabili. Insomma, pare evidente che Pacciani avesse approfittato di ogni possibilità di guadagno e di risparmio, e per quanto riguarda quest’ultimo aveva avuto l’occhio lungo nel capire la convenienza dei buoni fruttiferi postali già fin almeno dai primi anni ’70.
Ma proviamo a sentire lui stesso, in questo memoriale pubblicato da “Epoca” nell’agosto 1996, fotocopiato dagli inquirenti assieme ad altri articoli e messo agli atti (qui). Eccone una trascrizione con qualche piccolo intervento per correggere errori di sintassi e punteggiatura.

Sul Tirreno del 4 luglio 1996, il giorno 3 luglio, hanno dato notizia che hanno fatto la perquisizione nel collegio il Samaritano in S. Frediano dalle suore. Gli hanno portato via tutti i risparmi dati in custodia alla suora, Annamaria Mazzari col nomignolo Elisabetta, la quale l'avevo delegata per tutelare i miei interessi di tutta la famiglia: un libretto nominativo con 62.000.000 e tutti i buoni postali per un totale di 150.000.000, frutto di 47 anni di lavoro e risparmi di tutta la famiglia, lavoro, pensione, lascito dei genitori e sorella e suocero, 12 anni di lavoro all’industria dal 1952 al 1964, e più lavoro in proprio che facevo avanza tempo dopo il lavoro in fabbrica, e la domenica.
Sono stato a lavorare sempre all‘industria dal 1952 al l964, e la paga era quella che percepiva un operaio di fuori, paga stabilita dal sindacato, ma dovevamo lasciare le trattenute della pensione per il versamento delle marchette e l'assicurazione. E avevamo, oltre la paga sindacale stabilita, il premio di produzione e il sotto banco. Inoltre facevo i cofanetti di madreperla con carillon e ballerina per conto di un rappresentante di mobili. Li vendevo a L. 3000 e avevo 2000 lire di spesa, ci guadagnavo L. 1000 ognuno, ma ci volevano 4 ore di lavoro, avanza tempo la sera dopo il lavoro (in fabbrica e la domenica).
Dopo 13 anni tornai a casa a fine pena riportando tutti i miei risparmi, e trovai mia madre sola, che mi aveva messo da parte il lascito di mio padre, più i suoi risparmi di pensione e un libretto di mia sorella che aveva lavorato 12 anni con un medico come domestica. Si era sposata, le disse mamma: «Questi soldi li dai a Pietro, quando torna si deve fare una famiglia, noi non abbiamo bisogno, io e mio marito». Misi tutto in banca in buoni bancari, Bot, poi girati in buoni postali che rendevano di più, i quali dopo 5 anni triplicano, un milione diventano tre. Mi misi subito a lavorare in fabbrica al mio paese di Vicchio in calzaturificio. Nel 1965 tornai a contadino a Badia a Bovino col sig. Ceseri Costantino, gestivo due poderi, 18 ettari di terreno con piante e bestiame.
Presi moglie nel 1965, e con me tornò pure mio suocero che era rimasto solo, tutto quello che aveva diede tutto a me. Compreso il libretto di pensione tutelavo tutto io gli interessi e pensavo al mantenimento della famiglia. Nel 1966 nacque la prima figlia, mia moglie rimase seminferma di mente in seguito al taglio cesareo, e quindi pensionata dal 1966. Ad ora 1996 sono 30 anni esatti. Io mi ammalai d'infarto nel 1979 e fui pensionato, da allora sono 17 anni che la riscuoto. Inoltre quando da Vicchio, Badia a Bovino, tornai a San Casciano col marchese Rosselli, nel 1972 prendevo la prima paga di operaio specializzato e qualificato con patente per mezzi operatrici e allevatore di bestiame con 28 capi di bestiame e lavoro col trattore, paga fissa 80.000 lire al giorno pagata l'intera settimana pure i giorni festivi tutte le domeniche comprese, dal 1972 fino al 1979. Poi l'infarto, lasciai l'azienda, mi diede 10 milioni di buonuscita, comprai casa a Mercatale e tornai lì. Come vedete questi tre soldi sono guadagnati con tanto sudore da tutta la famiglia. Compreso 12 milioni, il lavoro delle figlie di circa 8 anni, siano resi indietro e resi alla suora, che mi tutela gli interessi, noi non abbiamo rubato niente a nessuno, è frutto di tanti anni di sudore e sacrifici.

martedì 9 ottobre 2018

Il dottore di Lotti e il patrimonio di Pacciani (1)

Qualcuno avrebbe dato soldi a Pietro Pacciani in cambio delle parti mutilate, anzi, di più, per ottenere quelle parti avrebbe anche commissionato i delitti. Questo era il presupposto della cosiddetta “pista esoterica”, il filone d’indagine, aperto già pochi mesi dopo l’ingresso di Giancarlo Lotti nella vicenda, che si proponeva di individuare gli eventuali mandanti. A tutt’oggi non si sa bene se tutti i suoi numerosi rami germinati nel tempo si siano chiusi, da recenti notizie giornalistiche parrebbe di no, in ogni caso possiamo individuarne la fine reale nel pronunciamento sugli ultimi scampoli dell’inchiesta Narducci, 16 luglio 2014. Si tratta quindi di ben 18 anni di sforzi che non solo non hanno portato alla scoperta di alcun mandante, ma neppure hanno chiarito se mai mandanti vi siano stati. In compenso la forsennata e spesso impietosa attività investigativa ha messo in croce decine di persone, causando ad alcune di loro danni devastanti. In più, quanti milioni di euro appartenenti alla collettività sono stati spesi inutilmente? Qualcuno si sarà preso o si prenderà mai la briga di calcolarli? Chi scrive ha studiato a lungo la documentazione disponibile riguardo gli eventi accaduti in questo lunghissimo periodo, facendo spesso enorme fatica a orizzontarsi. Nonostante la disponibilità di due fondamentali sentenze in quel momento non ancora pronunciate – De Luca su Calamandrei, Micheli su Narducci –, rimane valido quanto aveva scritto con mano felice Mario Spezi nel 2006 nel suo Dolci colline di sangue: 

Il problema maggiore a raccontare quest’ultima parte della storia è che ogni capitolo sembra diverso da quello precedente e non si capisce se devono essere tenuti tutti in vita o se l’ultimo sostituisce quanto detto prima. Tutti insieme mettono a dura prova la capacità di sintesi di chiunque, perché la scena è molto affollata, i personaggi assai diversi e spesso senza apparenti rapporti tra loro. Le storie di ognuno sono complicatissime e non solo sono slegate l’una dall’altra, ma a volte sembrano contraddirsi. 

Insomma, un vero e proprio minestrone, diventato alla fine, a forza di aggiungere ingredienti, una brodaglia indigesta dal sapore indefinibile, della quale si proverà in questa sede a isolarne almeno le parti fondamentali. Partiremo esaminando la consistenza, o meglio, l’inconsistenza, dei due elementi che ne costituiscono i presupposti: il “dottore” di Giancarlo Lotti e il patrimonio di Pietro Pacciani. 

Nasce il “dottore”. Il punto d’origine della pista esoterica potrebbe essere individuato nella ormai notissima “lettera spontanea” di Giancarlo Lotti, dove il presunto pentito scrisse di un “dottore” che avrebbe acquistato da Pacciani le parti di donna escisse. Il condizionale però è d’obbligo, lo vedremo più avanti. Intanto diamo un’occhiata alla lettera, trasmessa dalla Polizia Giudiziaria al PM il 15 novembre 1996 e pubblicata molti anni dopo da Giuttari ne Il Mostro:

Sono venuti a casa via Lucciano, ano pichito a la porta. Chi e. Siamo noi. Chi. Mario. Pietro Pacciani. Che volete da me. Devi venire con noi. Perché devo venire. Se no si parla. Che vacevi in quella piazzetta che la strada. verso il bardella. Ti inculavi Fabrizio. Sono andato con loro.

La strada che va a Giovoli. Siamo arivati vicino ale piazetta dove avenuto omicidio. Io sono ceso da la machina. Mario e Pacciani erano gia cesi e andavano il fulgone. Poi mi a chiamato. Vieni qui. Perche. Vieni devi sparare tu. Io. Allora mi a dato la pistola in mano. Spara e o sparato diverse colpi. Se li o presi bene. Poi mia presa la pistola di mano. Andate verso la parte sinistra. Altri spari. Poi aperto lo sportelo. A visto che erano due omini. Allora sie incazzato come una bestia. Allora io mi sono alotanato verso la machina. Pietro mi a detto va via. Si vado via. Perche vai via. Poi sono salito in machina. Sono andato a casa.

Andato a letto. Ma no mi riuciva dormire. Dove li date queste cose della donna. Il seno vagina o fica Mario volio sapere chi le date dottore che si serviva Pietro Pacciani. Vi pagava in soldi. Ma quello no mi voleva dire per che ne faceva di vagina e se perche fate cose mostrose. Ma io no. Le altri fatte. Non avete rimorsi. A me mi fato schifo e co bestie come voi Mario e Pacciani per me vi farrei sparire per sempre dalla circlazino.

La sgrammaticatissima lettera va divisa in tre parti ideali, quelle che nella trascrizione soprastante risultano separate. Con la prima Lotti cerca una giustificazione, fino a quel momento mai fornita in modo plausibile, al suo andare con Vanni e Pacciani­: dopo averlo visto mentre si intratteneva in macchina con un uomo, i due avrebbero minacciato di “parlare” se non fosse andato con loro. Nella seconda racconta il delitto di Giogoli, confessando la propria diretta partecipazione alla sparatoria, pur costretto da Pacciani.
Nella terza parte esce fuori il “dottore” che avrebbe acquistato le parti escisse da Pacciani. Era la prima volta in cui Lotti affrontava il tema, almeno a quanto risulta dagli atti. L’interrogatorio conseguente, condotto il 16 novembre da Vigna e Canessa, fu videoregistrato e nella parte relativa al “dottore” secretato, come si vede anche dalla trascrizione OCR disponibile su questo blog (qui). Ne avrebbe scritto Giuttari ne Il Mostro:

«E il dottore che si serviva di Pietro Pacciani cosa vuol dire, signor Lotti?»
Dice di aver saputo che le parti asportate dal corpo delle ragazze uccise venivano consegnate da Pacciani a un dottore che gliele pagava.
«Chi è questo dottore?»
Afferma di non saperlo, ma che una volta era stato nella piazza di San Casciano. Era buio e si era fermata una macchina, racconta. L'autista aveva fatto un cenno con la mano e Vanni gli si era avvicinato mentre lui era rimasto distante a osservare. I due avevano discusso un po'. Poi, quando Vanni era tornato, su sua richiesta gli aveva spiegato che era il dottore a cui Pietro consegnava quelle cose e che stava andando proprio a casa di Pietro. Vanni non aveva voluto aggiungere altro.
Siamo allibiti, quasi increduli.
È la prima volta che Lotti parla di un suo pieno e diretto coinvolgimento nell'esecuzione di un delitto, e questo, più o meno coscientemente, ci aspettavamo che prima o poi accadesse. Ma è anche la prima volta che accenna a un "committente", un "dottore" che avrebbe pagato Pacciani per ottenere i macabri feticci.

Una menzogna colossale. Questa vicenda del “dottore” altro non era che una menzogna bella e buona, come moltissimi elementi lasciano immaginare. Innanzitutto non si comprende per quale motivo il presunto pentito avrebbe atteso mesi e mesi prima di raccontare il fatto. In questo caso non è possibile invocare la motivazione di un tentativo di nascondere le proprie responsabilità, come fecero i giudici di primo grado in varie altre occasioni, poiché si trattava di un argomento per lui del tutto neutro. Anzi, il parlarne non avrebbe fatto altro che migliorare il suo status di collaboratore di giustizia. E invece la prima spiegazione fornita sull’utilizzo dei “feticci”, nell’interrogatorio dell’11 marzo 1996, era stata questa:

Mario mi disse che le parti della donna che lui aveva asportato li aveva portati a casa Pietro per nasconderli nel garage mettendoli in un involto. Mario mi disse che Pacciani voleva farli mangiare alle figliole ma non so se effettivamente lo abbia fatto.

Ma come, non si trattava forse dello stesso Mario che Lotti aveva anche visto incontrare il “dottore” in piazza, Vanni, insomma? Quando ascoltò la “dolorosa confessione”, Giuttari gliene chiese conto? Forse Lotti a marzo non se lo era ricordato, oppure, più probabilmente, non lo aveva ancora inventato. In ogni caso in aula sia il PM sia, e soprattutto, gli avvocati di parte civile – comprensibilmente interessati a un argomento che prometteva una lunga prosecuzione del loro mandato – avevano cercato di ottenere maggiori informazioni; senza successo, però. Il “dottore” Lotti lo aveva visto da lontano e seduto dentro un’auto, quindi non poteva descriverlo nemmeno un po’ (“Un l'ho vista per bene, la persona come l'era”, “Gl'era a sedere. Se gl'era calvo o no, un lo so”), non sapeva che tipo di dottore fosse, se medico oppure no (“A me m'hanno detto un dottore. Come fo’ a capirlo se gl'era un dottore di medicina, o di coso”), né da dove provenisse (“A me un m’hanno mica detto se gl'era di Firenze, o se gl'era di Prato, o di coso”). Mentre l’avvocato Curandai si dannava per ottenere qualcosa, a un certo punto era intervenuto il presidente, anche lui disperato. Vale la pena leggere il frammento (vedi):

Curandai: Coraggio, coraggio, coraggio. Bisogna tirarla fuori, questa verità. Questo è il momento opportuno. Mi scusi, io insisto perché rappresento una delle parti...
Presidente: L'avvocato vuol sapere se sa qualcosa di questo dottore, di questo medico.
Lotti: Mah, a me m'aveva detto un dottore, però le altre cose non le so io.
Curandai: Ma io ho l'impressione che le sappia le cose, lei, invece. Le dica, le dica, è il momento opportuno.
Presidente: Ora, senza volermi inserire nelle domande che poi arriverà il mio turno, ma possibile che una persona come il Vanni, come il Pacciani, vengano a parlare a lei di tante cose e lei non ha, neanche per curiosità, dice, non fa nessuna domanda? Si limita così. Perché lei ha confessione di tutti. Abbia pazienza, eh.
Lotti: Ma se un me l'hanno detto...
Presidente: Lei le cose le sa molte di più, caro Lotti. Eh, se non le vuol dire è un altro discorso e non gliele possiamo strappare con le mani, con le tenaglie. Però qualcosa in più dovrebbe dire. Per suo interesse, interesse di tutti, per la Giustizia.
Curandai: Se sa qualcosa di più, ce lo dica, serenamente.
Presidente: Com'è la domanda, allora. Se non vuol rispondere, che si può fare? Andiamo.
Curandai: No, ma sta riflettendo. Forse...
Lotti: No, non sto riflettendo. Se dico una cosa e io non so altro, i' che devo dire cose che un so?

Era giustificata la convinzione di presidente e avvocato che Lotti stesse nascondendo qualcosa? Si può esser sicuri di sì, visto il suo comportamento, ma certamente non ulteriori informazioni sul “dottore”, che se avesse posseduto non si capisce per quale motivo avrebbe dovuto tenere per sé, poiché il tirarle fuori gli sarebbe stato soltanto di beneficio. Vale la pena ricordare che la battaglia del suo avvocato per fargli ottenere la pena minima contava principalmente sui vantati meriti di collaboratore di giustizia. Si può poi senz’altro concordare con la perplessità del presidente sul fatto che Lotti non avesse mai chiesto nulla a Vanni riguardo il fantomatico personaggio, se non altro per semplice e legittima curiosità. Queste considerazioni amplificano il sospetto che dietro il racconto del “dottore” si nascondesse soltanto una menzogna. Anche perché durante l’interrogatorio del 16 novembre 1996 aveva detto qualcosa in più, come dimostra l’immagine successiva, dove viene riportata la parte di verbale fino a oggi mancante.


Quindi Vanni avrebbe identificato il personaggio come “un dottore che curava Pietro”, e ne avrebbe anche fatto il nome, che però Lotti non ricordava. Ecco spiegata l’insistenza di Curandai in dibattimento, di fronte a un Lotti che stava dicendo ancora meno di quel poco che aveva detto in istruttoria. Che cosa era successo, il presunto pentito non ricordava più che Pacciani aveva venduto i “feticci” al proprio medico curante? Oppure aveva intuito che non era il caso di insistere su una strada poco gradita ai suoi interlocutori? Di sicuro la storia del “dottore che curava Pietro” non era piaciuta a Giuttari, che infatti opportunamente la tace nel resoconto su Il Mostro, poiché poco si sarebbe accordata con tutte le sue indagini successive.
Torniamo all’incontro con il fantomatico “dottore”, e concentriamoci sull’automobile che l’uomo avrebbe guidato. Lotti era un appassionato di automobili, che cambiava spesso e dentro le quali trascorreva gran parte del proprio tempo libero. In varie occasioni aveva dimostrato di masticare assai bene la materia, in termini di modelli e cilindrate. Crediamo pure al fatto che non avesse potuto vedere bene il “dottore” seduto dentro, l’auto però l’aveva vista, quindi ci si sarebbe aspettati che almeno quella l’avesse identificata, o almeno descritta. E invece no. Ecco il punto del dibattimento nel quale il PM aveva cercato di farsi dire qualcosa al riguardo:

PM: Che macchina era lo ricorda, l'ha vista, è in grado di spiegarcelo? Se lei l'ha vista che era a 10 metri...
Lotti: Le macchine le conosco però... mi pare un'Alfa.
PM: Un'Alfa era? Cioè un'Alfa Romeo? Mi sa che un'Alfa Romeo è una marca, quindi bisognerebbe...
Presidente: Il tipo, il tipo.
PM: Lei ricorda... Era un'Alfa Romeo grossa, piccola, chiara, scura?
Lotti: Tanto piccola no.
PM: "Tanto piccola no", scusi, era grossa, o media? Ci sa indica... Se lei le conosce, dovrà pure indicarci...
Lotti: Sì, le conosco, però mica tutte...
PM: Un'Alfa, scusi, c'ha in mente qualche tipo di Alfa che poteva essere quella?
Lotti: Non mi ricordo se era a quattro porte, o tre porte.
PM: Cioè, tre porte... o un coupé, o una berlina non ce lo sa dire?
Lotti: No. Di preciso no.
PM: Le sembrò grossa?
Lotti: Grossa, sì.
PM: Grossa. Chiara, o scura?
Lotti: Mi pare sullo scuro.
PM: Lo scuro per lei, scusi, cos'è? Nera, blu, marrone?
Lotti: Scura... Può essere anche nera o un altro colore.
PM: Nera, blu, marrone. Colori di questo genere?
Lotti: Su un colore così.
PM: Lei ha presente l'Alfetta dell'Alfa Romeo? Una macchina così?
Lotti: Dell'Alfa ce n'è diverse.
PM: Ho capito. Io ho provato a dirgliene una che mi è venuta in mente. L'ha vista lei, io non c'ero.
Lotti: Mi pareva a quattro porte.

È del tutto pacifico che Giancarlo Lotti non avesse visto alcuna auto, non è possibile dubitarne dopo aver letto la trascrizione dell’avvilente confronto. Si tenga presente peraltro che in istruttoria Lotti l’aveva collocata a una distanza di tre o quattro metri (“Ero a qualche metro di distanza, saranno stati tre o quattro metri”), e non dei dieci indicati dal PM.
Le perplessità riguardo il “dottore” aumentano ancora quando si riflette sulle modalità con le quali il fantomatico personaggio avrebbe incontrato Vanni. Perché si era fermato in piazza? Disse Lotti in risposta a Colao: “Per chiedere a uno di noi per andare da Pietro a Mercatale, e andette il Vanni”. Sembra insomma che il “dottore” avesse chiesto indicazioni per trovare la casa di Pacciani, come poi aveva confermato Lotti a domanda di Mazzeo: “Voleva indicazioni sull'abitazione del Pacciani. Dico bene?”, “”. Ma la scena appariva del tutto inverosimile e grottesca. Che si fosse trattato o no del suo medico curante, come compratore abituale delle parti escisse – anzi, secondo le successive ipotesi investigative, come mandante dei delitti commessi al fine di ottenerle – il personaggio avrebbe dovuto conoscere bene Pacciani. E invece, dopo l’ultima scellerata impresa dei suoi prezzolati complici, tale individuo ancora avrebbe ignorato dove abitava il capo della scalcagnata banda. Si tratta di un’eventualità davvero improbabile, ma prendiamola pure per vera e proseguiamo. Lotti non aveva spiegato il motivo per il quale il “dottore” stava cercando Pacciani – forse per ritirare i feticci, forse per pagarli avendoli già dissepolti dalla buca in cui sarebbero stati nascosti, oppure per programmare nuove imprese –, in ogni modo era la prima volta che si recava a casa sua, visto che non sapeva dov'era. È credibile che fosse arrivato a San Casciano senza saper bene dove andare, avesse incontrato Mario Vanni – non si sa se per caso o per un precedente accordo, scenari entrambi del tutto assurdi – e avesse rischiato di farsi vedere assieme a lui in una piazza centrale del paese soltanto per chiedere informazioni sul percorso?
Come ben si comprende, il racconto di Giancarlo Lotti risulta ridicolo, inverosimile da qualunque parte lo si guardi, e quindi la figura del “dottore” va ritenuta una pura invenzione. Eppure proprio quella avrebbe costituito il pretesto principale per tutte le indagini successive, il che fa inevitabilmente venire il sospetto che dietro la menzogna di Lotti ci fosse il tentativo di compiacere le esigenze degli inquirenti.

La vera partenza della pista esoterica. Riprendiamo il racconto che Giuttari fa ne Il Mostro della clamorosa rivelazione di Lotti sul “dottore”. Si tenga presente che si tratta di eventi della metà di novembre 1996.

Non ci sono abbastanza elementi investigativi per poterla seriamente affrontare, ma la dolorosa confessione, frutto forse anche della pressione di don Fabrizio su un animo indebolito e stanco di nascondersi, travolto dal suo stesso stillicidio di parziali ammissioni, mi mette inevitabilmente la fatidica pulce nell'orecchio.
A scanso di equivoci chiedo alla Procura l'autorizzazione a eseguire accertamenti di natura patrimoniale e finanziaria nei confronti di Pacciani, Vanni e Lotti.

Il libro di Giuttari è pieno di adattamenti dei fatti reali, e questo è uno. Il riferimento non è alla “dolorosa confessione” e a tutto quel che segue, il leitmotiv solito per spiegare il contraddittorio comportamento di Lotti, ma agli “accertamenti di natura patrimoniale e finanziaria nei confronti di Pacciani”. Quando l’ex investigatore afferma di averne chiesto l’autorizzazione in seguito al clamoroso racconto sul “dottore” – che gli avrebbe messo “la fatidica pulce nell'orecchio” – di sicuro sta dimenticando qualcosa, poiché quell’autorizzazione l’aveva già chiesta sei mesi prima, come si evince dal seguente documento, datato 20 maggio 1996.


Due giorni dopo Canessa rispondeva in modo positivo concedendo le deleghe richieste:


In più il PM prese carta e penna e scrisse ai direttori di vari uffici postali per richiedere la documentazione riguardante i risparmi di Pacciani. Ecco le tre lettere relative a Scandicci (22 maggio), Cerbaia (25 maggio) e San Casciano (25 maggio):


Seguirono a ruota vari interrogatori dei soggetti coinvolti nelle operazioni di natura economica di Pacciani, per il danaro guadagnato, per quello risparmiato e per quello speso. Tra i primi, il 27 maggio, i precedenti proprietari delle due case acquistate nel 1979 (piazza del Popolo) e 1984 (via Sonnino), dei quali furono anche acquisiti gli estratti conto bancari.
Il 12 giugno Giuttari inviò a Canessa un prospetto riepilogativo di tutte le sue ricerche, dal quale il patrimonio mobiliare di Pacciani risultava ammontare a lire 152.740.380. Andremo più avanti a guardare dentro l’interessante documento, per adesso teniamolo in sospeso (il lettore può scaricarlo qui).
Anche in Compagni di sangue Giuttari aveva cercato di posticipare la data dei controlli sul patrimonio di Pacciani, ma soltanto di un mese o poco più.

Gli accertamenti nei confronti di Pacciani erano stati eseguiti ancor prima delle dichiarazioni riguardanti il mandante. Prendevano le mosse dal sequestro di buoni postali effettuato nel corso di una perquisizione domiciliare a carico di Suora Elisabetta, la suora laica dell'ordine "Figlie della Carità", che aveva seguito, durante la detenzione, il Pacciani e che aveva continuato a seguirlo fino alla sua morte.

Si ammetteva che i controlli avevano preceduto la “lettera spontanea”, ma anche questa non era la verità, come dimostrano i documenti prima presentati. In ogni caso il sequestro dei buoni postali custoditi da suor Elisabetta costituisce un altro tassello della sconcertante vicenda, che vale la pena approfondire. Leggiamo ancora Il Mostro, dove Giuttari racconta che il 28 giugno era stata registrata una per lui “interessante” conversazione telefonica tra suor Elisabetta e Pacciani, nella quale si parlava di buoni postali affidati dall’uomo alla religiosa.

Quando Pacciani accenna a Lotti e a Vanni, lo invita alla prudenza dicendo: «Se loro hanno il telefono sotto controllo, prendono i provvedimenti».
Concetto ribadito poco più avanti: «Bisogna stare attenti a dire tutte queste cose per telefono, Pietro, perché senz'altro ha il telefono sotto controllo».[…]
E la telefonata si fa ancor più interessante verso la fine, quando suor Elisabetta gli dice che dovranno incontrarsi presto per andare all'ufficio postale a rinnovare i «fondi» di Pacciani che lei ha in deposito.
«Poi presto ci vediamo per andare alla posta... riprendo tutto... mettiamo a posto le cose, se lei vuole lasciarli a me questi fogli li riprendo io.»
Pacciani le risponde che si metteranno d'accordo per andare la prossima settimana.
Non è il primo riferimento ai fondi. Già in altre telefonate, registrate nei giorni immediatamente precedenti, la suora ha chiesto a Pacciani quando sarebbero andati alla posta ricevendo in risposta vaghe assicurazioni che avrebbero sistemato tutto in seguito.
La ripetizione mi insospettisce, perché se si tratta di piccoli risparmi, come abbiamo immaginato in un primo momento, tanta insistenza non sarebbe forse giustificata.

La commedia continua, poiché Giuttari sapeva bene che non si trattava affatto di “piccoli risparmi”, ma erano i 152 milioni e rotti calcolati dai suoi uomini un paio di settimane prima, quindi non fu certamente l’intercettazione in oggetto a insospettirlo. Del resto già ai tempi di Perugini, durante la maxi perquisizione dell’aprile-maggio 1992, erano stati ritrovati buoni e libretti postali in rilevante quantità – per un totale di circa 120 milioni di lire, dettagliati dallo stesso Giuttari nella sua richiesta del 20 maggio – ma non si era provveduto ad alcun sequestro. Dopo il rientro di Pacciani in carcere, quei documenti – in gran parte buoni postali – erano finiti in custodia presso i carabinieri di San Casciano, dai quali suor Elisabetta si era recata a ritirarli su regolare delega del proprietario. Rinnovare dei buoni postali scaduti o non più convenienti è un’operazione del tutto normale, e la religiosa quella intendeva fare, ma Giuttari ci volle vedere del torbido, e richiese e ottenne un decreto di perquisizione.


In sostanza suor Elisabetta veniva sospettata di complicità, se non per aver partecipato ai delitti, almeno per averne gestito i proventi! Alle 7 di mattina del 3 luglio gli uomini di Giuttari frugarono in lungo e in largo il centro di accoglienza “Il Samaritano”, dove operava la religiosa e dove anche Pacciani era stato ospite per un breve periodo dopo la sua assoluzione. Suor Elisabetta, ancora in gamba ma pur sempre una donna di 62 anni, fu poi portata in Questura e torchiata per ben 13 ore. Da “Il Corriere della Sera” del 5 luglio 1996:

"Sono allibita”, si è sfogata, “finalmente ho avuto l’opportunità di toccare con mano l’incapacità totale degli investigatori a seguire un filo logico nelle loro domande". Non ha voluto aggiungere altro e il resto dello sfogo lo ha raccolto l’avvocato Nino Marazzita, il legale che assiste Pacciani. "Immagino che tutto quel tempo trascorso in Questura”, ha detto Marazzita, “servisse agli inquirenti per intimorirla. Forse si aspettavano che alla fine crollasse e dicesse «il mostro di Firenze sono io»”. L’avvocato ha aggiunto che qualche giorno fa la suora era stata derubata per strada della borsetta nella quale c’era la sua agenda. "Ovviamente questo non vuol dire che ci siano legami con la perquisizione", ha concluso.[…]
Cercavano, gli inquirenti, il "tesoro" che il contadino di Mercatale ha affidato alla religiosa. Si tratta di 150 milioni in buoni postali e libretti di risparmio intestati a Pacciani e alla moglie che sarebbero stati versati tra l’80 e l’85, il periodo in cui il mostro compì sei duplici omicidi. Con gli accertamenti su quel capitale gli uomini della squadra mobile fiorentina cercano di verificare se esiste nel giallo del mostro un misterioso personaggio che avrebbe pagato per far commettere i delitti e per assistervi. Da una prima analisi sui documenti sequestrati, risulterebbe che le somme di denaro sarebbero state versate in contanti e frazionate presso uffici postali di Mercatale, della Rufina e di Firenze.

La legittima curiosità del lettore per l’episodio del furto della borsetta può essere soddisfatta, almeno in parte, dalla seguente gustosa intercettazione di una telefonata del 4 luglio tra la suora e Marazzita:

Suora: Comunque le volevo dire anche questo, che ho l’impressione che questo scippo che mi è stato fatto due giorni fa… troppo dolcemente mi è stato fatto...
Marazzita: Le è stato fatto uno scippo di cosa, della borsetta?
Suora: Della borsa, sì, che avevo con me. C’era dentro un taccuino con tutti i telefoni.
Marazzita: Ah beh… allora non è occasionale questo scippo…
Suora: Io credo che l’hanno fatto loro, poi una macchina che arriva… dolcemente… carica questo. Se ne vanno tranquillamente… troppo calma la cosa.
Marazzita: E che cosa c’era nella borsa?
Suora: Avevo il taccuino con segnato tutti gli indirizzi, telefoni… poi avevo un milione e cinquecentomila lire che ero andata a ritirare la pensione della mia mamma… Non è tanto per i soldi, mi interessava avere i miei indirizzi, i miei numeri di telefono… ma io sono convinta… e questa convinzione è venuta anche ad altre persone… che loro…
Marazzita: La coincidenza… la coincidenza è molto sospetta, no? Si attaccano a tutto ormai, mi guardo i giornali e poi la richiamo.
Suora: Va bene grazie… eh sì, questi sono disperati, non sanno a che attaccarsi…

Torniamo però alla perquisizione. Oltre ad appunti, agende, memoriali e lettere, fu sequestrato il discreto gruzzolo, intestato a Pacciani e famiglia, di 157,890,039 lire, corrispondenti a 81,543 euro nominali e 119 mila circa rivalutati a oggi (2018). Discuteremo tra breve della possibilità che quel danaro fosse stato frutto di oneste o nascoste attività, adesso interessa mettere bene in evidenza il fatto che gli inquirenti avevano cominciato a metterlo in relazione a un eventuale compenso per la vendita dei “feticci” già molti mesi prima della “lettera spontanea” di Lotti, come si è dimostrato. Il che, assieme a certe perplessità che suscita la genesi di tale lettera, rende più che probabile l’inversione di causa ed effetto: non fu l’accenno di Lotti al “dottore” a provocare la partenza delle indagini sui soldi di Pacciani, ma furono quelle indagini già iniziate da molti mesi a indurre il falso pentito a offrire il proprio aiuto agli inquirenti inventandosi il “dottore”.

Una lettera molto poco spontanea. Che l’iniziativa di scrivere la “lettera spontanea” fosse stata tutta di Giancarlo Lotti non è da credere neppure un po’. Cominciamo con l’indagare sulla sua strana genesi, partendo da questa nota di Canessa del 7 novembre.


Quindi Lotti, che alloggiava in un appartamento segreto presso la questura di Arezzo, l’8 novembre venne trasferito a Firenze, e non per un giorno soltanto. Il 15 successivo, con la nota seguente, la PG trasmise al PM la sua “lettera spontanea”.


Dalla nota si deduce che Lotti era stato sistemato in una struttura alberghiera di pertinenza della questura di Firenze, dove ancora il 15, quindi da una settimana, continuava ad alloggiare. Quali erano stati i motivi che avevano indotto gli inquirenti a tale cambio di residenza? Che cosa aveva inteso Canessa con la locuzione “incombenti relativi alle indagini in corso” della sua nota? Non suona un po’ strano che proprio in quella settimana al presunto pentito fosse venuta l’ispirazione per scrivere la famosa e densa di conseguenze “lettera spontanea”? Si tenga presente che nello scriverla di sicuro non aveva consultato il proprio legale, in quel momento Alessandro Falciani, il quale anzi, proprio per il contenuto della lettera sarebbe giunto alla grave decisione di rinunciare all’incarico. Si tratta di una vicenda inquietante, che vale la pena approfondire per quel poco che ne consentono le tracce contenute nelle cronache dei giornali.
Abbiamo visto che nella lettera Lotti aveva ammesso di aver sparato a Giogoli, costretto da Pacciani: “Vieni devi sparare tu. Io. Allora mi a dato la pistola in mano. Spara e o sparato diverse colpi.”. Il 16 novembre, davanti a Vigna e Canessa, aveva poi spiegato meglio, confermando il grave episodio. Il suo difensore c’era? A leggere il verbale parrebbe proprio di sì: “Si dà atto che è presente l'avv. Alessandro FALCIANI del Foro di Firenze, difensore di fiducia del LOTTI”. Ma allora non si spiega il contenuto di questo articolo uscito su “La Nazione” del 3 gennaio 1997, dove per la prima volta si raccontava dell’ammissione di Lotti di aver sparato anche lui.

Secondo l’avvocato Falciani, che è difensore del Lotti dal maggio 1996, in nessuno degli interrogatori ufficiali il pentito avrebbe ammesso di aver sparato in occasione di uno dei duplici omicidi del “mostro”. Anche l’avvocato Neri Pinucci, primo difensore di Lotti, non ha memoria di confessioni di questo tipo.
Il dubbio appare lecito: la procura potrebbe aver interrogato Lotti senza avvocato? “No, non credo proprio”, replica l’avvocato Falciani. “Lotti è un pentito, inserito nel programma di protezione, che ha ammesso le sue responsabilità. È un indagato, quindi non può essere sentito come informatore o persona informata sui fatti. Quando rilascia dichiarazioni che devono essere messe a verbale, deve farlo alla presenza di un legale. Fa parte delle regole del gioco”.
Ma si parla anche di un interrogatorio al quale Lotti sarebbe stato sottoposto il 23 dicembre, due giorni prima di Natale. “Non ne so niente”, replica Falciani. Gli unici interrogatori del pentito ai quali l’avvocato ha partecipato risalgono al giugno e al luglio scorsi. In entrambi Lotti fece molte ammissioni circa i delitti del “mostro”, ai quali disse di aver partecipato in qualità di “palo”. Ma mai ha confessato di aver sparato.
Il sospetto, dunque, è che Lotti possa aver cambiato avvocato. Un’ipotesi che però Falciani tende ad escludere. “Io sono il suo legale di fiducia, se mi avesse sostituito avrei ricevuto una revoca, cosa che non è avvenuta”.

In base all’articolo, mai smentito, sembra proprio di poter concludere che Lotti fu interrogato senza l’assistenza di un legale, sia il 16 novembre sia il 23 dicembre, nonostante la legge lo imponesse essendo indagato. Ma in entrambi i verbali è dichiarata la presenza di Falciani, quindi, dove sta la verità? È comunque un fatto che Falciani si dimise. Da “La Nazione” del 5 gennaio 1997:

Giancarlo Lotti […] è rimasto senza difensore. L’avvocato Alessandro Falciani […] se ne è andato sbattendo la porta. Ha rinunciato all’incarico per essersi trovato in mezzo al guado delle polemiche seguite alla fuga di notizie, nonostante avesse coerentemente e correttamente mantenuto il segreto sulla clamorosa confessione di “Katanga” che ha segnato la nuova svolta delle indagini. La rinuncia all’incarico è stata comunicata sia al procuratore Vigna, il quale ha espresso il suo rammarico e riconosciuto il “comportamento esemplarmente corretto dell’avvocato Falciani”, sia alla direzione del servizio centrale di protezione dei pentiti cui è affidato Lotti. Già martedì, comunque, la difesa di “Katanga” sarà affidata a un altro penalista.

Sarà vero che Falciani si era arrabbiato soltanto per la fuga di notizie, e non perché non era stato presente alla confessione del suo assistito? Bisognerebbe chiedere a lui.
Torniamo però a quello strano trasferimento di Lotti a Firenze. A parere di chi scrive c’era dietro la nota perizia Fornari-Lagazzi. I colloqui dei due consulenti con Giancarlo Lotti, in totale cinque, erano terminati con quello del 29 ottobre, quindi, nonostante la data della perizia sia 20 novembre, si può ritenere certo che i risultati ufficiosi del lavoro fossero stati presentati già a cavallo tra ottobre e novembre. Il documento è ormai ben noto, tutti possono leggerlo e trarre le loro conclusioni; a chi scrive pare che gli elementi principali di novità che gli inquirenti avevano potuto desumere dal lavoro dei due periti fossero questi: Lotti aveva latenti tendenze omosessuali (“sicuramente presenta pesantissime istanze di carattere omosessuale”) e, soprattutto, stava nascondendo qualcosa.

Quali consulenti del P.G., dobbiamo mettere in luce come si sia ricavata la netta impressione che egli sia in grado di dare molte più risposte ed informazioni di quanto finora fornite, ma che giochi con astuzia nel centellinare il suo dire; infatti non dice più di tanto e, al contempo, gode di tutti i vantaggi di una persona inserita in un programma di protezione; di qui il ferreo, impenetrabile, non scalfibile suo atteggiamento di chiusura e di rifiuto ad “andare oltre”.

Considerando il lavoro che avevano fatto sui soldi di Pacciani, la convinzione dei periti dovette sembrare agli inquirenti la miglior dimostrazione della bontà delle loro intuizioni. Quindi non ci vuole molto a ipotizzare un colloquio informale dei primi di novembre in cui Lotti venne posto davanti alle conclusioni dei periti, durante il quale, con l’aiuto di qualche inconsapevole suggerimento – nato magari anche dalle notizie giornalistiche sul tema – fece capolino l’ammissione che sì, quei troppi soldi di Pacciani nascondevano un “dottore” che lo pagava. E per rendere più credibile il clamoroso ma fin troppo tardivo racconto Lotti si rassegnò a pagare un prezzo, che poi poteva anch’esso risultare parte di quanto avrebbe nascosto fino a quel momento: a Giogoli aveva sparato anche lui. Infine, nell’intento di limitare i danni, venne buona la storia dell’omosessualità, con la quale tentò di trovare una pur maldestra giustificazione, alla quale comunque Giuttari parve credere (da Il Mostro: “Si spiega così la minaccia, il ricatto subito, la necessità di ubbidire che prima aveva solo giustificato limitandosi a dire «lo sanno loro». Il quadro ambientale si completa sempre più. Lotti ha tendenze omosessuali.”; e non è certo un caso che in nota venga richiamata proprio la conclusione della perizia Fornari-Lagazzi sulla presunta omosessualità di Lotti).
L’abbozzo di tali argomenti in possibili colloqui informali ben giustificherebbe il successivo trasferimento di Lotti a Firenze, dove questi vennero meglio definiti nella “lettera spontanea” e nel successivo interrogatorio. È pensare troppo male? Forse, ma a chi scrive pare lecito che si possa anche pensar male, almeno a fronte di elementi poco chiari come in questo caso, e soprattutto ben ammettendo che si tratta soltanto di ipotesi, sulle quali ognuno è libero di formulare un proprio giudizio. In ogni caso le perplessità suscitate dallo scenario in cui nacque la “lettera spontanea” di Lotti lasciano molti dubbi sul “dottore”, una figura già di per sé poco credibile. Ma non per i giudici di primo grado del processo Vanni, che su quella figura chiesero di indagare, anche perché

le indagini di carattere finanziario, eseguite dalla PG sul conto di Pacciani, hanno portato ad una situazione economica del tutto incompatibile con la sua condizione di contadino, che lavorava i terreni altrui e che guadagnava appena il sufficiente per vivere, essendo risultato che lo stesso Pacciani ha acquistato in quegli anni un immobile urbano in Mercatale Val di Pesa per il prezzo di £. 35.000.000 milioni di allora (anno 1984) ed ha poi investito la somma di £.157.890.038 in "buoni postali", disseminandoli tra i vari uffici del circondario (Mercatale, Montefiridolfi, San Casciano, Cerbaia e Scandicci), chiaramente per tener nascosta tanta provenienza di denaro, non sicuramente di fonte lecita.

È arrivato dunque il momento di guardare dentro i risparmi di Pacciani, per valutarne l’effettiva entità e scoprire se davvero poteva esserci stata correlazione tra i prelievi degli organi dalle donne uccise e il danaro da lui investito. Ma prima il lettore si goda un’ultima chicca: la copia manoscritta della “lettera spontanea” di Lotti, fino a oggi mai pubblicata.



Come si vede, una parte del documento allegato agli atti risultava censurata, e, di certo non a caso, era proprio quella relativa al “dottore”, di gran lunga la più importante e clamorosa.